CANTA IL SOGNO DEL MONDO

599px-The_Earth_seen_from_Apollo_17.jpg

Unica speranza

 

 

Grumo di polvere sperduto nell’universo

tondo mondo imbottito di fuoco

s’addorme alla luna

si risveglia nel sole.

 

Hai generato la vita

ed ora

la vita ti uccide.

 

Anima del mondo che sogna un tempo migliore

anima dell’uomo che non ha più sogni

li cerca e non li trova

se li crea con le sue mani

unte d’illusione.

 

Ma quali sogni?

 

Allucinazioni, abbagli, inganni

speranze perdute

canto alla morte.

 

Ma la terra vive e ama

è madre e figlia del Creatore

goccia di rugiada

arcobaleno di colori e fiori

ed erba verde

e il vento e il mare

canto alla vita.

 

Il sogno del mondo?

 

Resurrezione!

CANTA IL SOGNO DEL MONDOultima modifica: 2010-03-05T12:00:52+00:00da paolopietr
Reposta per primo quest’articolo

30 pensieri su “CANTA IL SOGNO DEL MONDO

  1. Ciao Paolo, è un pò che non ci si sente vero?
    Tutto bene, a parte la malinconia che leggo nelle tue due ultime poesie? Sbaglio ? Molto belle però, specialmente la penultima.

    Ti lascio un abbraccio, per togliere un pò di gelo 😉 ho visto molta neve giù…
    Buonaserata, Ros

  2. Ciao Carissimo Paolo,
    Come sempre quando suona il sitar del tuo poeta cuore sono bei ispirativi contemplativi suoni armonici che ci parlano del sentire attraverso quel celato linguaggio della radiosa animica luce interiore.

    Hai detto bene alla fine : “Ma la terra vive e ama è madre e figlia del Creatore goccia di rugiada arcobaleno di colori e fiori ed erba verde e il vento e il mare canto alla vita. Il sogno del mondo? RESUREZIONE! “

    Cioè trasformazione, rinascita di una nuova terra, di una nuova era, ma è anche vero che ogni trasformazione non è mai stata indolore. Su questa purtroppo cruenta verità l’essere umano deve capire che è necessario svegliare quella coscienza collettiva, quella divina intelligenza (il padre) quell’amorevole amore (la madre) che in fusione sono innate e celate in ogni consapevole/inconsapevole malevolo/benevolo cuore umano.

    E’ come dire e suggerire di prendere l’ombrello perché domani pioverà – ed oggi è possibile sapere se domani pioverà come è già possibile sapere tutto quello che il FUTURO IMMEDIATO CI STA MOSTRANDO attraverso gli innumerevoli effetti al cuore erudito duro cieco e sordo di tanti, ma è anche vero che per quel compensevole divino destino a qualcuno, anche nella propria grande ignoranza è stato concesso anche di vedere con quella non capita celata ISPIRAZIONE DIVINA ATTRAVERSO QUEL SENTIRE INTERIORE.

  3. L’uomo ha scordato di essere “parte”
    si pone al di sopra delle cose
    cullandosi nell’illusione di onnipotenza
    poi appena qualcosa turba la sua convinzione
    si rifugia nel pentimento tardivo

    Belle le tue parole
    riportano speranza di resurrezione
    ad una prima visione realistica
    Serena Pasqua a te

    Un soffio di primavera
    Bricciole………………….

  4. Ciao Carissimo Paolo
    Sono Contento per tua figlia e per il tuo poeta cuore,
    sai anchio sto cercando di scrivere qualcosa, ma a differenza del primo che parlava del trascendentale, questo parla di celate verità reali…. Senza nessuna obbligante imposizione se non ti dispiace, come avrò finito la prima (anche questa sgrammaticata) stesua ti invierò una copia per sottoporla al tuo discriminante giudizio di uomo di mondo che esprime tanta vera poesia interiore…..

  5. Ciao Carissimo Paolo
    sentivo il desiderio di venire in questa casa virtuale per AUGURARTI INSIEME AI TUI IMMENSI AMORI UN SANTO RADIOSO BENEFICO BUON NATALE….

    Un anno ancora corre alla fine dei sui splendori così come corre per morire e poi risorgere dalle sue nascoste visibili tangibili sconfitte. Ma sempre rimane l’incancellabile traccia, l’imprinting che la sperimentata via dissemina con ogni capito o non capito piccolo o grande passo esistenziale di piccola o grande cosciente consapevolezza. E’ la Vita che in questo piano esistenziale, in questo piano di coscienza, sposandosi con l’inesorabile illusorio tempo lineare, nel circolare tempo, collassando su se stessa, condensa e si dispiega come un telo bianco in tutto ciò che da qui chiamiamo Spazio. Spazio assai necessario su cui scrivere le proprie armoniche e/o distoniche note musicali fino a raffinare ogni suono per quelle richieste ottave maggiori. E’ quasi un continuo partorire per poi rinascere con tanto travaglioso cosciente morire per tanto incosciente necessario vivere. E’ quella sempre giusta strada maestra che sempre si mostra attrattiva per accogliere tantissimi esseri inconsapevoli che sperimentano la scala evolutiva. Ma è anche vero che tantissimi Angeli/Daimon e Maestri, per tantissimi necessari equilibranti affini attrazione, giungono da ogni parte del creato per seguire i passi degli uomini. Angeli Daimon e Maestri Indefinibili che da sempre sacrificano la loro infinita coscienza cosmica assai più elevata, scegliendo questa piccolissima infinitesima necessaria terra, come umile battagliosa / contrastante / frapposta dimora comparativa, ma soprattutto per essere un vivo reale trampolino di lancio, affinché prima o poi possa affluire quella maggiore celestiale luce nel cuore duro cieco e sordo degli uomini.

    Insomma….. dopo queste sentite sincere giuste/ingiuste strane parole……. Che sia questo il tempo del tanto atteso SANTO NATALE che attraverso le Sante Stellari Diamantine Divine Spirille, ci permetterà finalmente di vedere il sole di mezzanotte attraverso il nostro stesso celato radioso sole interiore…. Affinché quella divina innata celata e mai nascosta radiosa luce dell’anima possa finalmente mostrarsi fuori con tanto amore e soprattutto con tanta Sentita Percepita Capita Compassionevole Consapevole Cosciente Coscienza/Conoscenza INTERIORE.

Lascia un commento